Sei qui: Home ›› Formazione professionale e alternanza scuola lavoro ›› Youth on the Move

Youth on the Move

Una delle principali iniziative della Strategia Europa 2020, proposta dalla Direzione Generale Occupazione, affari sociali e pari opportunità della Commissione europea nel settembre 2010 ed adottata formalmente dal Consiglio il 19 novembre 2010, è Youth on the Move (Gioventù in Movimento), destinata ad aiutare i giovani ad acquisire le conoscenze, le abilità e le esperienze di cui hanno bisogno per trovare il loro primo posto di lavoro.

Obiettivi

L'iniziativa si propone di facilitare il raggiungimento di due degli obiettivi principali della Strategia Europa 2020, ossia abbassare dal 15 al 10 % la percentuale di giovani che lasciano prematuramente la scuola e aumentare dal 31 al 40 % entro il 2020 il numero dei giovani dotati di titolo d’istruzione terziaria o equipollente; garantire ai giovani le capacità necessarie per inserirsi nel mercato del lavoro del futuro al fine di raggiungere un livello di occupazione all’interno dell’Ue pari al 75 %.

Torna su

Iter normativo

Youth on the Move si articola in diverse azioni mirate:

  • la creazione - sulla falsariga del portale sulle opportunità di apprendimento nello spazio europeo (PLOTEUS) - di un sito web dedicato  che fungerà da sportello unico per ottenere informazioni sulle opportunità di studio o di esperienze lavorative all'estero, comprese le informazioni sulle borse UE e sui diritti individuali;
  • il progetto pilota Your first EURES job, operativo nel 2011 e gestito da EURES , la rete dei servizi pubblici dell'occupazione europei: fornirà consulenze, aiuto nella ricerca di un posto di lavoro e sostegno finanziario ai giovani che intendono lavorare all'estero e alle dipendenze delle PMI;
  • uno strumento di valutazione della mobilità (mobility scoreboard), che servirà a monitorare i progressi compiuti nell'eliminazione degli ostacoli legali e tecnici che si frappongono alla mobilità dell'apprendimento;
  • la creazione di uno strumento europeo di prestiti agli studenti per aiutarli a studiare o ricevere una formazione all'estero, che la Commissione sta studiando in collaborazione con la Banca europea per gli investimenti;
  • la pubblicazione dei risultati di uno studio volto ad accertare la fattibilità di un sistema multidimensionale e globale per la graduatoria delle università;
  • la realizzazione di una carta Youth on the Move  in grado di garantire sconti ed agevolazioni;
  • un passaporto europeo delle competenze, che la Commissione proporrà per il 2011, basato su Europass (il CV europeo online) per consentire di registrare le competenze in modo trasparente e comparabile;
  • il lancio, previsto per fine 2011, di un nuovo sistema di monitoraggio delle offerte di lavoro su scala europea (European Vacancy Monitor);
  • il sostegno dello strumento europeo di micro finanziamento Progress;
  • l’introduzione, da parte degli Stati membri, di una garanzia per i giovani per far sì che tutti i giovani trovino un posto di lavoro, seguano una formazione o abbiano un'esperienza lavorativa entro sei mesi dal termine della scuola.

Torna su

Il punto di vista europeo

Secondo EUROCHAMBRES, Youth on the Move individua obiettivi validi - quali la valorizzazione della formazione professionale, l’ammodernamento dell’istruzione superiore e il miglioramento della mobilità della forza lavoro tra Stati membri - ma propone misure deboli, facendo temere che il suo impatto risulterà limitato. In particolare, mancano elementi fondamentali per le Camere di Commercio quali obiettivi specifici relativi al Vocational and Educational training (VET), alla mobilità e, legata a questa, un impegno allo sviluppo di una linea di bilancio dedicata ad un programma Erasmus ERASMUS per gli apprendisti.

Da parte sua, UEAPME (l’associazione europea rappresentativa delle PMI) accoglie positivamente gli sforzi della Commissione nel proporre un approccio integrato tra mondo della scuola e mondo del lavoro, con stimoli alla formazione professionale attraverso apprendistati e programmi transfrontalieri. Tuttavia, critica la negatività espressa dalla Commissione sulle nuove forme occupazionali e la mancanza d’indicazioni concrete sulle diverse azioni annunciate nel settembre 2010.

Torna su

Referente Unioncamere: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 03 Agosto 2017 12:54 )