Sei qui: Home ›› Internazionalizzazione ›› IPA II: lo Strumento di assistenza preadesione

IPA II: lo Strumento di assistenza preadesione

Lo strumento di preadesione, gestito dalla  Politica di vicinato e dei negoziati di allargamento della Commissione, offre assistenza agli Stati impegnati nel processo di adesione all’Unione Europea. Con esso, si intendono facilitare le riforme politiche, istituzionali, giuridiche, amministrative, economiche e sociali necessarie per essere ammessi nell’Unione, allinearsi ai suoi standard e reggere alla pressione competitiva del mercato unico. Tra il 2007 ed il 2013 tale obiettivo è stato perseguito tramite il programma IPA, al quale farà seguito l'IPA II per il periodo 2014-2020.

Obiettivi

Tenendo conto delle necessità dei singoli Stati beneficiari, l’IPA II perseguirà i seguenti obiettivi:
- sostenere riforme politiche, quali il rafforzamento delle istituzioni democratiche e dello Stato di diritto, la tutela dei diritti umani, la lotta contro la corruzione, lo sviluppo della società civile e il dialogo sociale;
- supportare lo sviluppo economico, sociale e territoriale ai fini di una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva tramite, per esempio, varie misure volte a sviluppare il capitale umano, incentivare l’inclusione sociale ed economica, in particolare delle minoranze e dei gruppi più deboli, introdurre le riforme economiche necessarie per affrontare il livello di concorrenza presente nel mercato unico;
- rafforzare la capacità dei Paesi beneficiari di adempiere agli obblighi derivanti dall’adesione all’UE, supportando il progressivo allineamento con le regole e gli standard in vigore nell’Unione;
- favorire l’integrazione territoriale e la cooperazione tra i Paesi beneficiari, gli Stati membri dell’UE e, quando appropriato, Paesi terzi.

I beneficiari del programma di finanziamento sono gli Stati candidati all’adesione (Islanda, Turchia, Serbia, Ex Repubblica Iugoslava di Macedonia, Montenegro) e i potenziali candidati (Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo).

Torna su

Iter normativo

Nel dicembre 2013, la plenaria del Parlamento europeo ha definitivamente approvato il regolamento sullo Strumento di preadesione, al quale sono destinati 11,699 miliardi di euro, ed il regolamento di esecuzione degli strumenti di azione esterna dell'UE, contenente regole più dettagliate.
La suddivisione delle risorse tra i Paesi beneficiari sarà effettuata sulla base dei criteri indicati nel Quadro strategico comune, che sarà adottato nel primo trimestre del 2014. I Documenti di strategia nazionali e multinazionali, il cui contenuto sarà deciso dalla Commissione in partnership con i Paesi beneficiari, determineranno come saranno utilizzati gli aiuti per ogni Paese, o gruppo di Paesi, durante tutto il periodo di programmazione. La loro adozione è prevista per il secondo trimestre del 2014. L’attuazione delle misure sarà affidata ai Programmi nazionali o multinazionali, annuali o pluriennali.

Con il nuovo regolamento si intende migliorare lo Strumento di preadesione attraverso l’introduzione di misure che permettano di:
- semplificare il quadro legislativo e le regole di applicazione;
- eliminare la distinzione tra Stati candidati e potenziali candidati, cancellando di conseguenza le procedure amministrative collegate ai cambiamenti di status;
- eliminare gli oneri amministrativi derivanti dalla revisione annuale dei  Documenti di strategia nazionali o multinazionali triennali, tramite l’introduzione di documenti che coprano tutto il periodo di programmazione e di un’unica revisione a metà periodo;
- migliorare l’assistenza dai punti di vista della coerenza e dell’orientamento al risultato;
- assicurare maggiore flessibilità e adattamento alle necessità individuali;
- aumentare l’efficienza e l’efficacia delle misure di assistenza.

Per maggiori informazioni sulle possibilità di finanziamento che saranno offerte dallo Strumento di preadesione si rimanda alla sezione Monitoraggio bandi.

Torna su

Referente Unioncamere: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 03 Agosto 2017 12:25 )