Sei qui: Home ›› Formazione professionale e alternanza scuola lavoro ›› Il lavoro digitale

Il lavoro digitale

Nell’attuale periodo di crisi economica, il settore dell’ICT, di competenza della Direzione Generale per la Società dell'informazione e i mezzi di comunicazione della Commissione europea, può rivelarsi uno dei principali motori della crescita. Infatti, le tecnologie digitali offrono grandi potenzialità per quanto riguarda la creazione di nuove opportunità di mercato, il minor tempo necessario per la messa in commercio di nuovi prodotti, migliori servizi e l’aumento della produttività e della competitività. Tuttavia, solo il 2% delle imprese europee riescE a sfruttare pienamente tali nuove opportunità.

Obiettivi

La Commissione intende sostenere l’imprenditoria digitale e affrontare due problemi relativi al settore ICT europeo: da un lato, l’assenza di un numero di professionisti e laureati in informatica sufficiente a coprire i 700.000 posti di lavoro che si stima saranno creati da qui al 2015 e, dall’altro, la presenza di una percentuale molto bassa di donne impiegate nel settore.

Torna su

Iter normativo

In seguito all’approvazione del pacchetto sull’occupazione dell’aprile 2012, il vice presidente della Commissione Kroes chiese la creazione di una partnership con tutti i soggetti interessati che si occupasse del problema dell’insufficiente numero di professionisti nel settore ICT. Alla fine del 2012, la sua creazione è stata identificata, nella revisione dell’Agenda Digitale, come una delle azioni chiave per favorire l’aumento dell’imprenditorialità, dell’occupazione e della competitività. La Grande coalizione per il lavoro digitale è diventata realtà il 4 marzo 2013. Essa intende elaborare azioni concrete che possano essere implementate nel breve periodo ed avere un forte impatto a livello locale. Gli obiettivi perseguiti includono:

  • il miglioramento dell’immagine e dell’attrattività delle carriere nel settore ICT;
  • l'offerta di curricula scolastici ed universitari in linea con le necessità degli studenti e dell’industria;
  • il sostegno al riconoscimento delle qualifiche nei diversi Paesi membri tramite la creazione di un programma di certificazione dedicato;
  • l'incentivazione dell’imprenditoria digitale.

Nel quadro della Grande Coalizione, la Commissione ha lanciato, il 6 maggio 2014, la campagna di sensibilizzazione “Competenze digitali per il lavoro 2014” che si pone come obiettivi l’aumento della consapevolezza dei lavoratori sulla necessità di migliorare le proprie competenze informatiche e la diffusione di informazioni sulle opportunità disponibili per coloro che già le possiedono.

In merito alla ridotta quota di donne impiegate nel settore (circa il 30%), il loro aumento costituisce una delle azioni dell’Agenda digitale (azione 60). Infatti, secondo la Commissione, i talenti femminili non possono essere ignorati da un’industria che punti seriamente all’innovazione.  La Commissione ha cosi’ pubblicato, il 30 gennaio 2013, il Codice europeo di buone pratiche per le donne nell’ITC, al fine di assicurare che più donne scelgano carriere in tale ambito e che quelle che già vi lavorano siano adeguatamente sostenute. In aggiunta, la Direzione generale CONNECT pubblicato, alla fine del 2013, uno studio sulle donne attive nel settore ICT che formula raccomandazioni concrete in merito.

Per quanto riguarda l’imprenditoria digitale, essa assume particolare importanza in Europa, in quanto è in grado di creare nuovi posti di lavoro e contribuire a trasformare l’economia e la società, proponendo servizi e soluzioni capaci di migliorare la vita quotidiana, sia privata che professionale. La Commissione ha dedicato particolare attenzione a tale settore nel quadro del Piano di azione “Imprenditorialità 2020”, riconoscendone le peculiarità rispetto ad ambiti più tradizionali, quali le basse barriere all’ingresso e gli alti livelli di rimunerazione degli investimenti accompagnati, tuttavia, da un altissimo rischio.

Inoltre, la Commissione ha lanciato numerose iniziative per sostenere le imprese del settore ICT, gli imprenditori digitali, le start-up, le imprese innovative e l’uso dell’ICT o di soluzioni digitali. Esse includono:

  • la piattaforma Watify che intende aiutare gli imprenditori a superare le difficoltà che impediscono loro di avviare nuove attività;
  • l’istituzione di un Comitato degli Stati membri per l’imprenditoria digitale, al fine di condividere opinioni ed esperienze, coordinare le rispettive politiche e porre le basi per una strategia paneuropea nel settore, e del Forum sull’imprenditoria digitale per rinforzare il dialogo tra l’industria, il modo scientifico e politico e consigliare la Commissione;
  • l’iniziativa Startup Europe che vuole rafforzare i legami tra individui, imprese e associazioni che compongono l’ecosistema delle start-up, ispirare gli imprenditori ed aiutare la nuove imprese innovative ad espandersi;
  • la pubblicazione dello studio "Fare impresa nell’era digitale" che ha identificato le tendenze tecnologiche e proposto una strategia composta da cinque pilastri e 21 raccomandazioni;
  • la creazione del Digital Entrepreneurship Monitor, uno strumento che monitora le principali tendenze tecnologiche e del mercato, le nuove opportunità, i nuovi modelli di business e il loro impatto sull’economia europea e le diverse  iniziative politiche intraprese in Europa;
  • una campagna europea di sensibilizzazione rivolta agli imprenditori, accompagnata dalla creazione, a partire dal 2014, di un ecosistema europeo di “Mentori on line” per ispirare e sostenere i nuovi imprenditori.

Infine, si ricorda che il 1° marzo 2013 è stato pubblicato il rapporto “Come la Commissione europea puó sostenere l’imprenditorialità del web in Europa” che suggerisce 13 azioni concrete per aiutare gli imprenditori a creare una nuova generazione di imprese innovative.

Torna su

Programmi di finanziamento

Rispetto alla programmazione 2014-2020, la promozione delle politiche settoriali in materia sarà finanziata dai programmi Horizon 2020, Erasmus+ e dal Programma Occupazione e Innovazione Sociale. Per maggiori informazioni sulle possibilità di finanziamento si rimanda alla sezione Monitoraggio bandi del sito.

Torna su

Referente Unioncamere: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 03 Agosto 2017 12:54 )