Sei qui: Home ›› Energia e Ambiente ›› Le energie rinnovabili

Le energie rinnovabili

La Tabella di marcia per l’energia 2050 per un’economia a basse emissioni di carbonio si basa sul mercato unico dell’energia, sull’attuazione del pacchetto dedicato alle infrastrutture energetiche e sugli obiettivi climatici stabiliti nella Tabella stessa. Secondo quanto proposto dalla Direzione Generale per l’Energia della Commissione europea la maggior parte dell’approvvigionamento di energia nel 2050 dovrà comunque provenire da fonti energetiche rinnovabili.

Obiettivi

Integrare le energie rinnovabili nel mercato interno, aprire il mercato dell’energia elettrica alle energie rinnovabili, trasformare le infrastrutture europee, rafforzare la posizione dei consumatori, promuovere l’innovazione tecnologica e garantire la sostenibilità dell’energia rinnovabile.

Torna su

Iter normativo

La Commissione europea ha adottato il 6 giugno 2012 una comunicazione sulle Energie rinnovabili: un ruolo maggiore all'interno del mercato energetico europeo”. Essa evidenzia quattro settori principali nei quali è necessario intervenire in maniera più incisiva da qui al 2020 per poter raggiungere gli obiettivi stabiliti in materia di energie rinnovabili, sempre restando efficienti sotto il profilo dei costi:

- Mercato dell’energia. La Commissione insiste sulla necessità di completare il mercato interno dell'energia e di affrontare il problema degli incentivi agli investimenti per la produzione di energia elettrica, in modo da consentire una facile integrazione delle energie rinnovabili nel mercato stesso.
- Regimi di sostegno. L'Esecutivo europeo privilegia programmi che incoraggiano la riduzioni dei costi ed evitano sovracompensazioni. Esso auspica inoltre il rafforzamento della coerenza dei regimi di sostegno negli Stati membri, al fine di evitare inutili ostacoli.
- Meccanismi di cooperazione. La Commissione promuove un maggiore ricorso ai meccanismi di cooperazione contenuti nella direttiva sulle energie rinnovabili , la quale prevede, per ogni Stato membro, obiettivi nazionali vincolanti per promuovere le energie rinnovabili in tre settori - produzione di energia elettrica, riscaldamento/raffreddamento e trasporti entro il 2020 di una quota del 20% (10% nel settore dei trasporti) di energia prodotta da fonti rinnovabili rispetto al consumo energetico totale dell'UE.
- Cooperazione in materia di energia nel Mediterraneo. Si sostiene che un mercato regionale integrato nel Maghreb faciliterebbe gli investimenti su larga scala nella regione e consentirebbe all’Europa di importare energia elettrica da fonti rinnovabili. La comunicazione propone pertanto di avviare il processo destinato alla preparazione delle future scelte politiche e delle tappe in prospettiva del 2030, individuando le opzioni seguenti:
- stabilire nuovi obiettivi per i gas a effetto serra: fare del sistema ETS (Emission Trading System) lo strumento principale per ridurre le emissioni di CO2;
- stabilire tre obiettivi al livello nazionale e europeo: per le energie rinnovabili, l’efficienza energetica e i gas a effetto serra.

Più recentemente, è stata presentata la relazione relativa all’implementazione della direttiva del 2009 sulle energie rinnovabili. Ogni Stato membro deve conseguire degli obiettivi individuali al fine di arrivare ad una quota complessiva di energie rinnovabili nel consumo di energia. Questi targets possono essere raggiunti aumentando la quota di energia da fonti rinnovabili, come l'energia eolica (onshore e offshore), solare (termica, fotovoltaica e a concentrazione), idroelettrica, delle maree e da biomassa (compresi i biocarburanti e i bioliquidi). In tal modo, potrà essere ridotto l'inquinamento e le emissioni di gas serra, diminuiti i costi di produzione delle energie rinnovabili e differenziate le fonti di approvvigionamento energetico riducendo così la dipendenza da petrolio e gas. Fino al 2010 sono stati compiuti dei progressi. Tuttavia permangono, anche a causa della crisi economica, alcune preoccupazioni rispetto al futuro. Per tale motivo, gli Stati membri dovranno impegnarsi ulteriormente nei prossimi anni proseguendo gli sforzi compiuti fino ad ora.

Infine, il Parlamento europeo ha approvato il 20 maggio 2013 una risoluzione non legislativa relativa alle energie rinnovabili nel mercato interno dell’energia. Gli obiettivi perseguiti sono un migliore sistema integrato a livello europeo al fine di promuovere le energie rinnovabili, l’adozione di un obiettivo vincolante per il 2030 e l'opportunità d’incentivi negli investimenti. I membri del Parlamento chiedono che l'UE cerchi di avere, nel mix energetico complessivo, una quota di energie rinnovabili superiore rispetto al 30% ipotizzato dalla Commissione europea.

Nell'autunno 2016 è prevista la presentazione di un nuovo pacchetto in materia.

Torna su

Il punto di vista europeo

Un position paper di BUSINESSEUROPE ha accolto molto favorevolmente le azioni della Commissione europea per valutare un approccio attuale per promuovere le energie rinnovabili per il periodo successivo al 2020. Le imprese europee richiedono un quadro politico più coerente e meglio coordinato. Le lezioni apprese dal pacchetto 2008 sull’Energia e Clima devono essere prese in considerazione e le difficoltà cumulative per le imprese devono essere evitate. L’associazione europea delle Confindustrie aggiunge che gli investimenti nelle infrastrutture energetiche, la capacità del backup e di altre soluzioni flessibili sono urgentemente necessari per connettere la produzione da fonti rinnovabili, completare il mercato interno dell'energia e migliorare la sicurezza dell'approvvigionamento in tutta Europa.
C’è, in definitiva, bisogno di uno stimolo significativo per un’integrazione dei mercati e per la competitività dei costi delle energie rinnovabili al fine di salvaguardare la transizione del sistema energetico europeo.

I programmi europei di finanziamento

Rispetto alla programmazione 2014-2020, la promozione delle energie rinnovabili è finanziata dal programma Horizon 2020 e dai Fondi strutturali. Per maggiori informazioni sulle possibilità di finanziamento si rimanda alla sezione Monitoraggio bandi.

Torna su

Referente Unioncamere: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 03 Agosto 2017 12:50 )