Sei qui: Home ›› I programmi di finanziamento a gestione diretta ›› Il Programma COSME 2014-2020

Il Programma COSME 2014-2020

Le PMI rivestono un ruolo centrale per la crescita economica nell'Unione europea, rappresentando il 99% delle imprese, offrendo due su tre dei posti di lavoro esistenti nel settore privato, creando l'80% dei nuovi posti di lavoro e contribuendo per oltre il 50% al valore aggiunto totale creato dalle imprese europee. Visto il loro peso nell’economia europea, si rivela fondamentale la creazione di un quadro istituzionale e politico inteso a favorire l’aumento della loro competitività e loro crescita sostenibile, creare un contesto imprenditoriale favorevole e permettere loro di sfruttare appieno le opportunità che il mercato interno offre. Per tale motivo è stato istituito il Programma per la competitività delle imprese e delle PMI (COSME), gestito dalla Direzione Generale Impresa e Industria della Commissione europea.

Obiettivi
Contenuti
Il punto di vista europeo
I programmi europei di finanziamento

Obiettivi

COSME intende sostenere azioni volte a migliorare le condizioni quadro per la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'UE, in particolare delle PMI, in modo da rendere più efficaci, coerenti e coordinate le politiche nazionali e regionali in materia. In particolare, esso si prefigge l’obiettivo di migliorare l'accesso ai finanziamenti delle PMI nella loro fase di avvio, di crescita e di trasferimento, e promuovere un contesto economico ed una cultura imprenditoriale che ne favoriscano lo sviluppo, anche riducendo gli ostacoli alla creazione di imprese.

Torna su

Contenuti

Approvato definitivamente nel dicembre 2013, il programma ha a disposizione una dotazione pari a 2,298 miliardi di euro, suddivisa tra le quattro azioni chiave:
migliorare le condizioni quadro per assicurare la competitività e la sostenibilità delle imprese dell'UE, anche nel settore del turismo, sostenendo la coerenza nell'attuazione e portando avanti un'elaborazione consapevole delle politiche a livello europeo (253 milioni di euro, di cui 109,9 milioni destinati al settore del turismo);
promuovere l'imprenditorialità anche tra gruppi di destinatari specifici, mediante attività quali lo sviluppo di abilità e attitudini imprenditoriali, in particolare tra i nuovi imprenditori, i giovani e le donne, nonché la promozione di seconde opportunità per gli imprenditori (57 milioni di euro);
migliorare l'accesso delle PMI ai finanziamenti sotto forma di capitale proprio e di debito, attraverso il ricorso a strumenti di capitale proprio e garanzie sui prestiti (circa 1,5 miliardi di euro);
migliorare l'accesso ai mercati nell'UE e su scala mondiale, fornendo servizi di sostegno alle imprese orientati alla crescita attraverso la rete Enterprise Europe (EEN) per agevolare l'espansione nel mercato unico ed al di fuori di esso (495,5 milioni di euro).

Secondo le previsioni, circa 330mila piccole e medie imprese si avvarranno di tale strumento nel settennato 2014-2020. COSME si rivolgerà in particolare a:
• imprenditori, che diverranno beneficiari di un accesso agevolato ai finanziamenti per le proprie imprese, soprattutto PMI;
• cittadini, desiderosi di mettersi in proprio, che si trovano a fronteggiare le difficoltà legate alla creazione o allo sviluppo di un’impresa;
• autorità degli Stati membri ai quali sarà fornita una migliore assistenza nella loro attività di elaborazione ed attuazione di efficaci riforme politiche.

Torna su

Il punto di vista europeo

EUROCHAMBRES ritiene che il programma COSME meriterebbe una quota del bilancio europeo maggiore rispetto all’attuale 0,2% previsto per la sua attuazione e si dichiara preoccupata per la mancanza di coerenza, da un lato, tra obiettivi, targets ed indicatori del programma e, dall’altro, tra gli obiettivi di COSME e quelli di altri programmi Erasmus+ e Horizon 2020. L’associazione delle Camere di commercio europee sostiene inoltre l’iniziativa per l'accesso delle PMI ai finanziamenti a strumenti di capitale proprio e di debito e plaude infine al ruolo centrale svolto della rete EEN per sostenere le PMI nell’accesso ai nuovi mercati europei ed extra-europei.

BusinessEurope ha accolto con favore l’introduzione dello “Strumento di capitale proprio per la crescita” (EFG) e dello “Strumento di garanzia dei prestiti” (LGF), ma ha auspicato, in considerazione del loro effetto “leva finanziaria”, un forte incremento del budget a loro dedicato rispetto agli attuali 1,4 miliardi di euro previsti nella proposta. L’associazione supporta inoltre l’obiettivo di promuovere l’imprenditorialità e la competitività delle imprese, ma ritiene necessaria una maggiore chiarezza nella definizione dei contenuti di alcune delle azioni previste a tal fine ed un aggiornamento dei relativi indicatori di performance.

All’inizio del 2013, UEAPME si è rivolta alla Presidenza di turno irlandese per esprimere alcune considerazioni in merito al programma. Secondo l’associazione delle PMI europee, in COSME dovrebbe essere inserito un chiaro riferimento all’implementazione delle priorità dello Small Business Act e del principio “Pensare prima in piccolo” e dovrebbe essere garantito un più deciso impegno a fornire sostegno le piccole e micro imprese. UEAPME auspica infine che il Programma COSME faciliti il trasferimento d’impresa ed abbia come destinatari tutte le imprese, indipendentemente da dimensione, status legale, attività o mercato di riferimento.

Torna su

I programmi europei di finanziamento

Per maggiori informazioni sulle possibilità di finanziamento si rimanda alla sezione Monitoraggio bandi del sito www.unioncamere.net. Si ricorda che l'accesso è riservato ai soli utenti registrati.

Torna su

Referente Unioncamere: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per maggiori informazioni:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Le PMI rivestono un ruolo centrale per la crescita economica nell'Unione europea, rappresentando il 99% delle imprese, offrendo due su tre dei posti di lavoro esistenti nel settore privato, creando l'80% dei nuovi posti di lavoro e contribuendo per oltre il 50% al valore aggiunto totale creato dalle imprese europee. Visto il loro peso nell’economia europea, si rivela fondamentale la creazione di un quadro istituzionale e politico inteso a favorire l’aumento della loro competitività e loro crescita sostenibile, creare un contesto imprenditoriale favorevole e permettere loro di sfruttare appieno le opportunità che il mercato interno offre. Per tale motivo è stato istituito il Programma per la competitività delle imprese e delle PMI (COSME), gestito dalla Direzione Generale Impresa e Industria della Commissione europea.
Ultimo aggiornamento ( Giovedì 03 Agosto 2017 12:57 )