Sei qui: Home ›› I programmi di finanziamento a gestione diretta ›› Il Programma Occupazione e Innovazione Sociale

Il Programma Occupazione e Innovazione Sociale

Insieme al Fondo Sociale Europeo, al Fondo di aiuti europei agli indigenti ed al Fondo Europeo di Adeguamento alla Globalizzazione, il programma “Occupazione e Innovazione Sociale” (EaSI) forma il quarto pilastro dell’iniziativa lanciata dalla Direzione Generale Occupazione e affari sociali della Commissione europea al fine di promuovere l’occupazione e l’inclusione sociale nel periodo 2014-2020.

Obiettivi
Contenuti
I programmi europei di finanziamento

Obiettivi

Il regolamento intende contribuire alla strategia Europa 2020 e persegue cinque obiettivi generali:

  • rafforzare l'adesione degli attori politici a tutti i livelli per realizzare azioni concrete, coordinate e innovative a livello di Unione e degli Stati membri in stretta collaborazione con le parti sociali, le organizzazioni della società civile e gli organismi pubblici e privati nei settori rilevanti per il programma;
  • sostenere lo sviluppo di sistemi di protezione sociale e mercati del lavoro adeguati, accessibili ed efficienti e facilitare le riforme in tali ambiti;
  • assicurare che il diritto dell'Unione sul tema sia applicato in modo efficace e, se necessario, contribuire alla sua modernizzazione;
  • promuovere la mobilità geografica volontaria dei lavoratori su base equa ed accrescere le possibilità di impiego sviluppando mercati del lavoro nell'Unione;
  • promuovere l'occupazione e l'inclusione sociale, migliorando la disponibilità e l’accesso alla microfinanza e facilitando l'accesso ai finanziamenti per le imprese sociali.

Torna su

Contenuti

Il nuovo programma “Occupazione e Innovazione Sociale”, approvato in via definitiva dal Consiglio il 5 dicembre 2013, dispone di una dotazione finanziaria settennale pari ad 919,469 milioni di euro, con i quali sostenere gli Stati membri nella programmazione e nell’attuazione delle riforme sociali ed in tema di occupazione a livello europeo, nazionale, regionale e locale, in particolare attraverso il coordinamento delle politiche e la condivisione di best practices.

Il nuovo programma integra ed amplia tre iniziative già attive nel periodo 2007-2013, trasformate in "assi":
- l'asse Progress (ex Programma per l’Occupazione e la solidarietà sociale), al quale è stato destinato il 61% del budget totale, sostiene lo sviluppo, l'attuazione, il monitoraggio e la valutazione della politica dell'Unione nei settori dell’occupazione,  delle condizioni di lavoro, della protezione sociale, dell’inclusione sociale e della lotta alla povertà, e della sua legislazione in tali settori. Inoltre, esso promuove l'elaborazione di politiche basate su dati di fatto, l'innovazione sociale, la sperimentazione in materia di politica sociale e il progresso sociale, in collaborazione e cooperazione con gli stakeholders, le organizzazioni della società civile e gli organismi pubblici e privati. Il regolamento sopprime due componenti del vecchio programma, dedicati alla parità di genere e alla lotta contro la discriminazione, spostati nel Programma “Diritti e cittadinanza”, il cui rispetto dovrà in ogni caso essere assicurato;
- l'asse Eures, con una dotazione del 18% del budget complessivo, sostiene le attività svolte da EURES, il Servizio europeo per l'impiego, costituito da un portale online e da una rete di sportelli, che ha lo scopo di facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro transfrontalieri. A tal fine, la rete fornisce informazioni e svolge attività di consulenza e sostegno a favore dei datori di lavoro, dei lavoratori e dei cittadini europei che intendano avvalersi della libertà di circolazione. Il suo ambito di applicazione è stato ampliato in modo da sviluppare ed aumentare il numero dei partenariati EURES ed includere lo sviluppo e il sostegno di programmi di mobilità a livello europeo che permettano di rimediare a carenze del mercato del lavoro; 
- l'asse Microfinanza e imprenditorialità sociale (ex Strumento Europeo Progress di Microfinanza), dispone del 21% della dotazione complessiva di EaSI ed intende accrescere la disponibilità di micro finanziamenti per le nuove imprese, in particolare quelle costituite dai disoccupati, dalle persone socialmente escluse o vulnerabili nonché le microimprese attualmente in attività e le imprese sociali.Potranno essere concessi micro finanziamenti fino a 25.000€.

Torna su

I programmi europei di finanziamento

Per maggiori informazioni sulle possibilità di finanziamento si rimanda alla sezione Monitoraggio bandi del sito www.unioncamere.net. Si ricorda che l'accesso è riservato ai soli utenti registrati.

Torna su

Referente Unioncamere: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 03 Agosto 2017 12:58 )