Sei qui: Home ›› I programmi di finanziamento a gestione diretta ›› Il Programma per i consumatori 2014-2020

Il Programma per i consumatori 2014-2020

Cinquecento milioni di consumatori europei, la cui spesa per i consumi rappresenta circa la metà del PIL dell'UE, necessitano di essere ben protetti e maggiormente coinvolti. Si rende dunque  necessario creare un contesto che li metta in condizione di fare affidamento sulla sicurezza dei prodotti commercializzati nell’Unione, di essere liberi di scegliere le migliori offerte di beni e servizi, di conoscere i propri diritti e di essere tutelati efficacemente anche nell’eventualità di un contenzioso transfrontaliero. Per raggiungere tale obiettivo, la Direzione Generale Salute e consumatori della Commissione europea ha presentato nel 2011 una proposta di regolamento per la creazione di un programma di finanziamento 2014-2020 per la politica dei consumatori.

Obiettivi

 

In continuità con la precedente programmazione, l’obiettivo generale del nuovo programma è sostenere la futura politica dei consumatori ponendo questi ultimi al centro del mercato unico e permettendo una loro attiva partecipazione. In particolare, saranno perseguiti quattro obiettivi specifici:

  • sicurezza: rafforzamento e miglioramento della sicurezza dei prodotti mediante un'efficace sorveglianza del mercato in tutta l'UE;
  • educazione e informazione: miglioramento dell'educazione e dell'informazione dei consumatori e loro sensibilizzazione sui propri diritti, sviluppo di una base di informazioni sulla quale la politica dei consumatori è fondata ed interventi a sostegno delle organizzazioni dei consumatori;
  • diritti e ricorsi: rafforzamento dei diritti dei consumatori, in particolare tramite iniziative di regolamentazione e il miglioramento dell'accesso a mezzi di ricorso, compresa la risoluzione alternativa delle controversie;
  • tutela dei diritti: promozione della tutela dei diritti dei consumatori mediante il rafforzamento della collaborazione tra gli organismi nazionali competenti e tramite servizi di consulenza ai consumatori.

Torna su

Contenuti

 

Alla nuova Agenda europea dei consumatori, pubblicata dalla Commissione nel maggio 2012, ha fatto seguito l’approvazione del nuovo Programma Consumatori 2014-2020, al quale sono destinati soltanto 189 milioni di euro.

Con esso, l’UE si propone di promuovere la tracciabilità dei prodotti, la trasparenza dei mercati e l'educazione dei consumatori (mediante un uso più efficace delle possibilità offerte dalle nuove tecnologie) e semplificare il ricorso alla risoluzione delle controversie online (ODR), per mezzo di una piattaforma europea interattiva. Infine, il programma incoraggia la creazione di siti web per il confronto dei prezzi e della qualità dei servizi.

Una clausola di revisione del programma prevede che la Commissione presenti al Parlamento europeo ed al Consiglio, entro il 30 settembre 2017, una relazione di valutazione, nella quale siano esaminate, tra le altre cose, il mantenimento della pertinenza di tutti gli obiettivi, l'attribuzione dei fondi ai beneficiari, l'attuazione delle iniziative ammissibili e l'efficienza dell'uso delle risorse.

Le sovvenzioni erogate dal programma - per le quali il cofinanziamento previsto varia, a seconda del tipo di azione, tra il 50% e il 95% dei costi ammissibili - possono avere come beneficiari, tra gli altri: organizzazioni europee dei consumatori; organizzazioni non governative senza scopo di lucro ed autorità degli Stati membri che si occupano di promozione, tutela della salute, sicurezza ed interessi dei consumatori; organismi preposti allo sviluppo su scala europea di codici deontologici, migliori prassi e linee guida finalizzate a facilitare la comparazione dei prezzi, della qualità dei prodotti e della sostenibilità; organismi preposti al trattamento dei reclami, istituiti e operanti negli Stati membri e nei Paesi dell'Associazione europea di libero scambio partecipanti allo Spazio economico europeo.

Il programma sarà attuato dalla Commissione tramite l’adozione di programmi di lavoro annuali che definiranno, in particolare, le priorità di attuazione e le iniziative da adottare, i criteri di selezione delle proposte e il calendario dei previsti inviti a presentare proposte e offerte.

Torna su

Il punto di vista europeo

BEUC, l’associazione europea dei consumatori, pur sostenendo la proposta della Commissione, ritiene che un budget cosi’ limitato non sia sufficiente a sostenere una delle poche politiche dell’UE in grado di avere un impatto diretto sulla vita dei cittadini europei. Inoltre, essa mette in luce problemi di coerenza che potrebbero essere causati dalla discrepanza temporale tra la pubblicazione della proposta del programma (2011) e dell’Agenda dei consumatori (2012). Infine, l’organizzazione, oltre ad esprimersi su ciascuno dei quattro ambiti di intervento del programma, ne chiede l’introduzione di un quinto che abbia lo scopo di finanziare una maggiore partecipazione delle associazioni indipendenti dei consumatori ai gruppi di lavoro relativi alle diverse politiche per le quali è richiesto il loro input.

Torna su

 

I programmi europei di finanziamento

 

 

Per maggiori informazioni sulle possibilità di finanziamento si rimanda alla sezione Monitoraggio bandi del sito www.unioncamere.net. Si ricorda che l'accesso è riservato ai soli utenti registrati.

Torna su

Referente Unioncamere: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 03 Agosto 2017 12:58 )