Sei qui: Home ›› Politica regionale ›› Gli strumenti finanziari nella politica di coesione 2014-2020

Gli strumenti finanziari nella politica di coesione 2014-2020

A differenza dell’attuale ciclo di programmazione, che prevede l’utilizzo di strumenti finanziari limitatamente alla politica d’impresa, allo sviluppo urbano sostenibile ed al settore energetico, attraverso il ricorso al FESR ed al FSE, nel periodo 2014-2020, l’utilizzo di tali strumenti sarà esteso a tutti gli ambiti tematici previsti dai programmi operativi, al fine di integrare i finanziamenti tradizionali basati sulle sovvenzioni.
A livello europeo, si occupa del tema la Direzione Generale per la Politica regionale e urbana della Commissione.

Obiettivi
Contenuti

Obiettivi

L’utilizzo degli strumenti finanziari ha la finalità di promuovere investimenti sostenibili che non abbiano accesso a sufficienti risorse sul mercato. In quest’ambito, oltre agli strumenti finanziari promossi dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e dal Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI), i Fondi strutturali possono intervenire per sostenere nuovi strumenti  nel quadro di un programma operativo e contribuire al conseguimento di specifici obiettivi stabiliti in relazione ad una priorità.

Torna su

Contenuti

L’autorità di gestione può decidere di fornire un contributo a strumenti finanziari istituiti a livello nazionale, regionale, transnazionale o transfrontaliero, gestiti dall’autorità di gestione stessa o sotto la sua responsabilità, selezionabili tra quelli:
• già esistenti e creati recentemente per lo stesso scopo che si intende perseguire con il nuovo programma operativo, e
• off-the-shelf, per una rapida attuazione conforme a modelli standardizzati (i cui termini e condizioni saranno stabiliti dalla Commissione con un regolamento di attuazione).
Tuttavia, una valutazione ex ante, eseguibile in fasi, deve comunque essere completata prima della decisione da parte dell’autorità di gestione di erogare contributi del programma operativo ad uno strumento finanziario. Essa deve comprendere, tra le altre cose, un’analisi delle carenze del mercato e delle esigenze di investimento da affrontare attraverso il ricorso a tali strumenti finanziari, nonché una stima delle risorse pubbliche e private addizionali che lo strumento finanziario è in grado di raccogliere, una proposta di strategia di investimento, l’effetto moltiplicatore previsto ed un’indicazione dei risultati attesi.

In materia di implementazione degli strumenti finanziari, l’autorità di gestione può:
- investire nel capitale di entità giuridiche nuove o già esistenti;
- affidare compiti di esecuzione alla BEI o ad istituzioni finanziarie internazionali in cui lo Stato membro è azionista o ad istituzioni finanziarie nazionali di pubblico interesse e sotto il controllo di un’autorità pubblica (regione), ad organismi di diritto pubblico o privato;
- nel caso di strumenti finanziari costituiti esclusivamente da prestiti o garanzie, assumere direttamente compiti di esecuzione.
Si ricorda che nell’attuazione di uno strumento finanziario i termini e le condizioni per i contributi erogati dal programma operativo a tale strumento sono definiti negli accordi di finanziamento.

In termini di incentivi finanziari, nel caso in cui un asse prioritario di un programma operativo sia interamente attuato tramite strumenti finanziari, il tasso massimo di cofinanziamento potrà essere aumentato di dieci punti percentuali fino ad un massimo pari al 100%.

Infine, relativamente ai pagamenti, al fine di verificare che le risorse arrivino effettivamente al destinatario finale, l’importo del contributo intermedio erogato non deve superare il 25% dell’ammontare complessivo dei contributi del programma impegnati per lo strumento finanziario ed il 25% dell’importo complessivo del cofinanziamento nazionale erogato allo strumento. Inoltre, la presentazione della seconda e della terza domanda (nonché delle successive) può avere luogo soltanto quando rispettivamente il 60% e l’85% dell’importo indicato nella precedenti domande sia stato speso a titolo di spesa ammissibile. Quest’ultima non può superare l’ammontare dell’importo complessivo del sostegno dei Fondi erogato allo strumento finanziario e del corrispondente cofinanziamento nazionale.

Torna su

Per maggiori informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 03 Agosto 2017 12:43 )